13
Feb

TROFEO LAIGUEGLIA. UN GRANDE PAOLO TOTÒ

Secondo posto per l’atleta della Sangemini Mg.Kvis Olmo Vega e ottimo esordio stagionale

La Sangemini Mg.Kvis Olmo Vega inizia nel migliore dei modi la nuova stagione agonistica, grazie alla splendida performance di Paolo Totò sulle strade del Trofeo Laigueglia nella gara di apertura del calendario italiano dei professionisti.
L’atleta marchigiano conquista il secondo posto, dietro Moreno Moser, al termine di una gara impegnativa e sulla lunga distanza di 203 chilometri, inventando un numero di alta classe nello sprint finale.

“Sull’ultimo passaggio sulla salita di Colla Micheri mi sono staccato perché avevo un principio di crampi; sono rientrato poco dopo sul gruppetto che inseguiva Moser, ho tenuto botta e sono riuscito a vincere la volata. Non mi aspettavo di essere già competitivo adesso, ho fatto molti sacrifici questo inverno e speriamo vengano ripagati da altri risultati. Siamo una bella squadra, uniti, penso che ne vedremo delle belle. L’obiettivo è di competere con i migliori e penso che possiamo farcela”.
Per il team Sangemini Mg.Kvis Olmo Vega un debutto eccezionale, caratterizzato da un secondo posto di grande prestigio. A 27 anni, Totò fa un ulteriore passo in avanti sulla strada della crescita e della maturità.

La buona prova d’inizio stagione ha evidenziato, quanto di buono fatto durante il ritiro collegiale di Latina, nell’Agro Pontino dagli atleti che affronteranno la stagione con una rosa ringiovanita e motivazioni sempre molto alte. Per Colnaghi saltato direttamente dagli juniores ai professionisti, il trofeo ligure è stato il battesimo di fuoco: “Mi si è presentata questa opportunità e non ho esitato tanto a prenderla. E’ una cosa che soprattutto all’estero accade sempre più spesso ed è una grande occasione per noi giovani, secondo me questo è il futuro e quindi ho deciso subito per tentare questa strada”.

Anche il general Manager della Olmo, Andrea Farmakakis, commenta con soddisfazione l’esordio del Team, confermando tutto il supporto dell’azienda nei confronti di un progetto Continental ambizioso, in grado già nel suo anno di debutto, di mettersi in mostra anche nelle competizioni più dure al fianco dei Team World Tour.